L’usanza dello “Stratto Marzo” rivive ogni anno a Marzo, nel borgo di Capovalle.
Due squadre, composte da giovani ammogliati del paese, si collocano sui colli (“castelli”) opposti delle frazioni di Vico e Zumiè e scandiscono con rudimentali megafoni, che permettono alla voce di diffondersi nel piccolo borgo situato fra i due colli “Lo stratto”.

E’ un dialogo condotto con lunghi intervalli, allo scopo di tenere alta l’attenzione del pubblico, che si conclude preconizzando futuri matrimoni e annunciando impossibili fidanzamenti: giovani e belle ragazze nubili sono unite a celibi anziani, mentre le zitelle del paese sono unite ad aitanti ragazzi.

Lo “Stratto” termina con una fragorosa risata da parte di tutti i partecipanti.

INDIRIZZO

  • Comune di Capovalle – Piazza Marconi, 1

CONTATTI